Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for dicembre 2014

CARA POSTA ITALIANA

Cara Posta Italiana,

Oggi è Natale e siamo tutti più buoni e più onesti e rispettosi del prossimo.

Ho visto il tuo bellissimo sito che inneggia al Natale.

unnamed

Che bello! Quante promesse sul tuo sito!

Oggi che è Natale, potresti far sì che mia sorella a Genova riceva la Raccomandata che le ho spedito il 17 dicembre 2014?

Sapessi quanto sono triste al pensiero che la raccomandata è importante, e, per la spedizione ti ho dato €  5.95, e mi obblighi a pensare che potrebbero essere soldi rubati… o forse lo sono davvero dato che non è stata ancora recapitata.

Mi piacerebbe tanto veder funzionare l’Italia… e tu sei una componente molto importante per il benessere degli italiani.

BUON NATALE

Quarchedundepegi

 

Annunci

Read Full Post »

PERCHÉ?

Ci si fa un mucchio di domande ma ci si dimentica spesso di chiedersi: “Perché?”.

Prendo in prestito questo blog:

http://violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com/2014/12/19/street-photography/

dove una foto ci comunica quante persone desiderano mangiare un boccone (un tempo si diceva: un piatto di minestra).

Perché?

Mancano i soldi?… e allora tanta gente è diventata povera?

LAVOISIER

LAVOISIER

Un certo LAVOISIER, un grande del ‘700 (1743-1794) enunciò: Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.

Quindi, anche per quanto riguarda i famigerati soldi… o se si preferisce le ricchezze, se tanti poveri devono bussare alle porte delle varie CARITAS, vuol dire che, appunto i soldi, sono stati dirottati altrove.

CE NE SONO ANCORA… E SONO MOLTI!

Il mio ragionamento non vuole essere né di sinistra, né di centro e neppure di destra. Il mio ragionamento vuole solo essere umano e, rivolto verso quell’UMANITÀ a cui, per sfortuna o per violenza… da parte di chi ha il potere, è stato tolto il giusto, o addirittura tutto.

Se nulla si crea e nulla si distrugge, bisognerebbe che, almeno alle nostre latitudini, dove crediamo di essere civili, facessimo dei passi concreti… e non solo sbandierati in modo politico, per ridare un po’ di dignità ha chi ne ha bisogno.

BASTEREBBE RISALIRE COSTRUTTIVAMENTE AL “PERCHÈ” E GIÀ SI POTREBBE INIZIARE A VEDERE UN PO’ DI LUCE.

QUANTE SOFFERENZE GRATUITE IN MENO!

Read Full Post »

Chissà!

Siamo tutti speranzosi. Da quando è iniziata la cosiddetta “Crisi” abbiamo tutti cominciato a sperare nel futuro. Anno dopo anno abbiamo rimandato il “benessere” o il meno “malessere” all’anno dopo. Prima dell’anno nuovo dopo, ogni anno, abbiamo festeggiato il Santo Natale… e continuato a sentir parlare di ladri e di PIL.

Non mi rimane che dirvi BUON NATALE con due francobolli… natalizi.

Jacopo Bassano - Natale 2006

Jacopo Bassano – Natale 2006

Questo mi ricorda un mio Zio gesuita che, fra l’altro, aveva a che fare con la CIVILTÀ CATTOLICA… rivista molto importante.

E anche questo:

Beato Angelico - Natale 2005

Beato Angelico – Natale 2005

Che mi ricorda un’ottima cena con tagliatelle e funghi porcini in un caratteristico ristorante dell’astigiano: LA BELLA ROSIN.

Fu l’estate scorsa proprio a Moncalvo. Vedete il timbro di Moncalvo sul francobollo?

COME UN FRANCOBOLLO O UN TIMBRO POSSONO METTERE IN MOTO IL NOSTRO CEREBRO E FARCI RICORDARE ANCHE DELLE COSE BELLE?

In questo modo le terribili “sofferenze gratuite” di tutti i giorni diventano un po’ meno sofferenze.

Read Full Post »

La 13ma

Ho letto questo veloce articolo, mi è piaciuta l’illustrazione e mi sono rattristato.

https://chezliza.wordpress.com/2014/12/04/buongiorno-2/

Proprio così.

Mi ha invaso una grande tristezza pensando ai tanti italiani che aspettano il dicembre per togliersi qualche soddisfazione… e poi… e poi non possono neppure comperarsi un panettone.

Perché?

Perché devono soddisfare l’ingordigia dello Stato e dei Burocrati!

Ma dov’è finita la nostra bella Italia? È colpa degli italiani?

Forse sì.

Forse bisognerà ricominciare ad amare la Patria… sempre.

Read Full Post »

IL VACCINO

Tutti ne parlano.
Perché tutti ne parlano?
Semplice, perché la conta, giorno dopo giorno, dice che il numero dei morti aumenta.

E se il numero dei morti cresce, per i Media comincia a diventare interessante.vaccino_2011-2012_0Le vaccinazioni di massa fanno dimenticare che siamo tutti diversi. Ognuno di noi ha una personalità unica e irripetibile. Pure i gemelli sono diversi dato che non la pensano esattamente nello stesso modo.

A questo punto, la Medicina Accademica e le case farmaceutiche hanno bisogno delle masse e di un numero sempre maggiore di “adepti” per poter migliorare le loro entrate e poter stare in Cattedra e dettar legge.

Col fatto che qualcuno è morto dopo la vaccinazione i Grandi della Medicina e della Farmaceutica sono scivolati sulla classica buccia di banana e, per non perdere terreno ce la mettono tutta per non dover buttare “milioni di fiale” che frutterebbero dobloni d’oro.

Non so se è vero; credo però di non sbagliare se dico che una vaccinazione è una richiesta che vien fatta all’organismo.

Cosa si chiede?

Semplicemente protezione. Gli anticorpi dovrebbero essere “prodotti” che proteggono.

Bene, posso chiedere protezione a qualcuno che è più debole di me?

Credo proprio di no.

Quindi?

Se chiedo a qualcuno ciò che questo qualcuno non mi può dare?… lo metto in crisi.

E se lo metto in crisi, quando già si trova in crisi a causa dell’età e di pregressi acciacchi, finisco col fargli perdere quel minimo di equilibrio nel quale si trovava… e lo aiuterò a morire.

Diventa pretestuoso dire che il vaccino l’ha fatto morire… semplicemente non gli ha permesso di continuare a vivere.

Sembra semplicistico… e forse lo è.

È però indubbio e garantito che quando io inoculo qualcosa in un organismo vivente non posso avere la matematica certezza di sapere cosa succederà.

NON LO SA NESSUNO… SULLA TERRA!

 

Read Full Post »