Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2018

LEGGO… e non capisco.

Questo il titolo dell’articolo:

Da “Genova Quotidiana” del 27 settembre 2018

e questo tutto l’articolo:

https://genovaquotidiana.com/2018/09/27/donna-morta-dopo-la-caduta-sul-bus-indagati-autista-e-guidatrice-dellauto/

Sarò ignorante in materia, ma, non riesco a comprendere quanto “circola” nella sostanza cerebrale di certi personaggi. Questo Pubblico Ministero della Procura di Genova, Patrizia Petruzziello, forse avrebbe preteso che l’autista del bus, prima di frenare ed evitare la collisione avesse fatto un’ispezione sul bus per sincerarsi che tutti passeggeri fossero nelle condizioni di superare la crisi di una frenata brusca?

Non credo.

Anche se, purtroppo, non tutti gli autisti hanno i piedi di velluto, è previsto dal regolamento e dal buon senso che se ci si trova su un mezzo pubblico in movimento bisogna stare seduti o tenersi ai mezzi di sostegno.

Ancora una considerazione:

È necessario che ci scappi il morto per punire chi si comporta male? Se è vero che quella donna sulla Panda provocò la brusca frenata, è anche vero che l’anziana donna sul bus subì delle lesioni gravi. Finché ci sono “solo” delle lesioni gravi la Magistratura non interviene?

Io non capisco. Essere indagato è come bere un bicchier d’acqua? Non credo… e allora? S’indaga tanto per far qualcosa o per diventare importanti… o semplicemente per rompere le palle?

NON CAPISCO

Annunci

Read Full Post »

Il 31 dicembre 2011 scrissi:

https://quarchedundepegi.wordpress.com/2011/12/31/appendice-n-2-a-perche-questo-blog/

Forse fu uno sfogo.

Oggi, 14 settembre, è impossibile non pensare che esattamente un mese fa, sotto una pioggia battente “si ruppe” a Genova un pezzo di ponte molto importante per la città, e che soprattutto ci furono ben 43 morti e qualcosa come 600 persone costrette ad abbandonare le proprie abitazioni.

Ogni tanto mi trovo a dimenticare che lo scopo del mio blog, che l’anno prossimo compirà il decimo anno, era quello di arrivare possibilmente ad essere utile a chi soffriva a causa di manchevolezze dell'”arte” sanitaria. Poco alla volta sono arrivato a dover prendere atto che nel mondo che viviamo ci sono innumerevoli sofferenze… non solo a causa di manchevolezze, più o meno delinquenziali a livello sanitario, ma anche e soprattutto a livello “amministrativo”, quando, per amministrativo può essere considerato tutto quanto arriva a noi dal Governante. È appunto grazie al Governante che arrivano a noi certe sofferenze… quelle che ho definito gratuite perché “permesse” o addirittura “volute”.

Il confine fra permesso e voluto è minimo, perché ogni volta che si verificano certe sofferenze, è difficile comprendere se l’accadimento è causato da semplice lassismo o volontà di nuocere. È in me la convinzione che certi “lassismi” possano diventare delinquenza bella e buona. Se quello che è accaduto a Genova un mese fa possa essere la conseguenza di lassismo o, come si suol dire, di “scaricabarile”, è possibilissimo; è un fatto però che, se certi comportamenti sono riusciti a “produrre” dei morti, vuol dire che Qualcuno è da considerare colpevolmente assassino, e l’assassino deve andare in galera.

QUANTE SOFFERENZE GRATUITE!

Possibile che a distanza di 30 giorni ci siano molti indagati da interrogare e nessuno che abbia varcato le soglie del carcere? La componente grottesca sta, almeno secondo me, nel fatto che, oggi come oggi, mentre si prende in seria considerazione la ricostruzione di un ponte, qualcuno stia seriamente considerando quanto potrà essere il profitto dalla costruzione stessa.

 

Read Full Post »

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

I GOVERNANTI… e i magistrati.

 Registrazione del 3 settembre 2018

Personaggi:
Alessandro, L’Albero,  Panchina Petulante e Panchina Ingenua.

 

Alessandro: Buon Giorno a tutti voi.”

L’Albero:  “Buon Giorno a te Alessandro; che bello vederti così presto. Penso però che tu voglia discutere con noi per qualcosa che ti sta piuttosto a cuore.”

Alessandro: “Non è proprio così, ma quasi. Intanto mi siedo su Ingenua e saluto Petulante.”

Panchine Petulante e Ingenua: “Ciao caro Alessandro.”

Alessandro: “Come dicevamo l’altro giorno sembra che un grosso problema, di difficilissima soluzione, sia quello dei Migranti. Tu Petulante mi chiedesti se mi sembrava giusto che venisse impedito a tanti poveretti di raggiungere l’Europa. Quelli che tu definisti “poveretti” sono in buona parte dei disgraziati che, stando a quello che raccontano, finché rimangono in territorio libico vengo seviziati e torturati… in ogni caso, terribilmente maltrattati, cosa che non dovrebbe accadere nel 2018.”

L’Albero: “Eppure accade anche in quelle nazioni che si considerano civilizzate.”

Alessandro: “Lo so. È questo il punto. Rimaniamo in Libia da dove certi poveretti vengono in vari modi trattati in modo disumano.”

Petulante: “Appunto caro Alessandro… come si fa ad abbandonare certa gente in mano a personaggi così malvagi e senza cuore? L’Europa deve fare qualcosa… non ti pare?”

L’Albero: “Non credo che si possa chiedere troppo all’Europa, non foss’altro che per il fatto che, come vera Unione, non esiste. In Europa c’era, molto tempo fa “La Società delle Nazioni”… aveva sede a Ginevra. Era stata fondata nel 1919 e, fra l’altro Il suo principale impegno era quello di prevenire le guerre, sia attraverso la gestione diplomatica dei conflitti sia attraverso il controllo degli armamenti. Non mi sembra che gli Umani di quei tempi siano riusciti nel loro intento, tant’è vero che un po’ di anni dopo ci fu una guerra veramente devastante. Forse fu un fallimento, ma, agli Umani piace chiacchierare a vuoto, litigare, consumare inutilmente importanti risorse e ammazzarsi a vicenda.

La Société des Nations a Ginevra (da Wikipedia)

Voi Umani non date alcun valore al singolo individuo… perché se ci sono dei morti, l’importante che non siano tanti. D’altra parte, da quando esiste il mondo, vi piace ammazzarvi. Cominciò Caino e continuate voi in questo secolo appena cominciato È un fatto però che dopo i tantissimi morti della Seconda Guerra Mondiale, si pensò di rimettere in sesto, e ancor più alla grande, questa unione di popoli che avrebbero fatto di tutto per evitare conflitti e morti. Gli Umani costruirono un bel grattacielo a New York… forse scelsero New York perché là erano pratici… ovvero erano abituati a costruire grattacieli; lo chiamarono “Palazzo di Vetro” e l’organizzazione di Umani ONU (o UNO). Tutti, o quasi tutti i Paesi del Mondo vi erano rappresentati, ma i conflitti continuarono… anche se in qualche parte del Mondo le truppe di questa organizzazione, dette CASCHI BLU, aiutarono certa gente a non “picchiarsi”. Gli Umani delle nazioni più grosse utilizzarono questo ambiente per far la voce grossa davanti a tutti, ma, se ebbero e hanno voglia di fare la guerra la fecero e la fanno lo stesso.”

LA BANDIERA DELL’ONU

Ingenua: “Ma cosa vorresti dire caro Albero che l’ONU non serve a niente?… e che non serve a impedire agli Umani di farsi la guerra?”

L’Albero: “No, non voglio dire quello, però gli Umani dell’ONU non sono stati tanto in gamba; potrebbero esserlo un pochino se, per esempio in Libia, obbligassero i libici a farsi un Governo come si deve, la smettessero di ammazzarsi fra di loro e non permettessero le “vigliaccate” che fanno verso quegli illusi che qui arrivano da tutta l’Africa… e non solo, per essere trasportati in Europa.”

Ingenua: “Ma come fanno quelli dell’ONU a far star buoni tutti quegli stati che sono interessati al Petrolio della Libia? Quelli che s’interessano alla Libia, sono interessati alle ricchezze della Libia, non al benessere dei libici e degli africani. Da secoli certi Europei hanno saccheggiato l’Africa… e non solo, ora vogliono continuare a farlo… ma in modo diverso.”

L’Albero: “Non sei mica poi tanto ingenua tu. Purtroppo hai ragione. La componente tragica di tutto questo è che certi Umani, quelli che abbiamo considerato “poveretti”, arrivano male in Europa dopo aver regalato un mucchio di dollari a certe guide soprannominate “scafisti”. Arrivati poi in Europa non sanno più da che parte voltarsi; non riescono ad andare dove vorrebbero o, anziché “vegetare”, sopravvivono rubando e spacciando o gestendo la prostituzione o… .”

Petulante: “Ma ora sembra che sia ancora peggio in Libia. C’è stata una persona che, per leggere il giornale ha messo le sue chiappe su di me. Ho sbirciato e ho visto che, proprio in Libia, i libici stanno esercitando al massimo lo sport dell’ammazzarsi… per il potere. Non capisco quale gusto ci sia nel “comandare”… far fare agli altri… sentirsi importante… essere circondati da “lecchini”… ecc. Ma non hanno ancora capito gli Umani che, se usano la violenza, dopo la parabola ascendente, può esserci quella violentissima discendente? Comandare può essere valido, ma arrivarci senza violenza perché si hanno delle buone capacità e ci si prende la responsabilità per il bene del Prossimo (con la P maiuscola).”

L’Albero: “Ma lo sai cara Petulante che non dici nulla di nuovo? C’è di nuovo però che, quell’ONU di cui abbiamo parlato male poco fa, ha convocato un vertice d’emergenza. Testualmente: “Sulla base delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza e dell’offerta del Segretario generale delle Nazioni Unite di mediare e di rispondere alle richieste delle varie parti, compreso il governo di accordo nazionale riconosciuto a livello internazionale, Unsmil invita le varie parti interessate a un incontro allargato.”

PANCHINA INGENUA

Ingenua: “E tu come fai a saperlo?”

L’Albero: “Me l’ha comunicato un mio collega che “vive” proprio vicino al Palazzo di Vetro. E tu Alessandro, non dici nulla? Non ti sembra che gli Umani, anziché sprecare i soldi per comperare le armi, ammazzarsi e finire ammazzati, potrebbero muoversi un po’ più intelligentemente?”

Alessandro: “Ma cosa vuoi che vi dica. Purtroppo il Genere Umano continua a non voler imparare, o trova molto interessante “giocare” alla guerra. Forse ci sono altre risposte, ma il discorso diventa terribilmente lungo e, sicuramente senza una conclusione certa.”

Ingenua: “Mi sembri saggio caro Amico. Vai già via… dalle vibrazioni delle tue chiappe ipotizzo che stai per alzarti.”

Alessandro: “Sì, proprio così. Ti saluto cara Amica e saluto anche voi… alla prossima.”

Ingenua: “Sì, alla prossima… dovrai anche parlarci un po’ del tuo libro… perché non l’hai mai fatto?”

Alessandro: “Ok, ok… ne riparleremo.”

L’Albero e Petulante: “Va bene, ciao.”

 

 

 

Read Full Post »

L’ho fatta in un istante… e, quando l’ho guardata ho pensato che avrebbe potuto piacere… e far pensare.

IL SOTTOPASSAGGIO

Read Full Post »