Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2018

Rispettiamola… la natura:

SEMPLICEMENTE BELLO.

Questo è un quadro… che ci offre la natura in un angolino sperduto dove nessuno si ferma ad ammirarlo.

Amo la natura… e cerco di rispettarla al massimo.

Annunci

Read Full Post »

Declama l’onestà… e poi?

Da la stampa

Questo è un inizio o è l’ennesima bufala?

Si può inneggiare all’onestà e poi accorgersi, ma che strano!, che nella famiglia nella quale si è cresciuti le fregature per gli altri (LE ISTITUZIONI) sono una specie di normalità?… sì, perché qualcuno ha detto che in Italia è normale.

Qualcun’altra (UNA PARLAMENTARE del Movimento 5 Stelle) ha detto: “Ho fatto anch’io lavoro nero quando da studentessa facevo la baby sitter.” Se era una cosa saltuaria non credo che possa essere considerato “lavoro”.

Allora anch’io da bambino ero passibile di lavoro nero, quando in Svizzera facevo il chierichetto. Fu nella cittadina dove viveva mia Nonna. Una signora, alla quale piacqui, mi diede una o due volte 5 franchi.

L’ONESTÀ È ELASTICIZZATA?

DIPENDE DALLA REGIONE D’ITALIA?

Read Full Post »

COLORI 1

 

Non è la prima volta che leggo e commento un articolo di Pendolante; questa volta mi s’è accesa una lampadina… quella dei colori:

 

https://pendolante.wordpress.com/2018/11/16/colori-di-stazione/

 

Ormai non esercito più, ma sono ancora medico.

L’ho fatto dapprima a contatto con la medicina accademica, poi, diventando un poco critico nei riguardi dell’infallibilità della chirurgia e della chimica, sono passato a un’altra medicina… complementare; sì, complementare perché un medico deve sempre rimanere agganciato a quello che gli hanno insegnato; non può e non deve rinnegare tutto. Se lo fa è molto grave perché rischia di diventare un estremista.

Comunque sia, nella mia pratica quotidiana, son riuscito ad usare i colori, non tanto la cromopuntura che va piuttosto di moda, quanto altre metodiche che ho potuto inventarmi.

I colori, s’è potuto comprendere, sono utili e possono essere addirittura “importanti”. Proprio per questa ragione, ancor prima di smettere di fare ufficialmente il medico, ho sempre avuto piacere nell’osservare i “colori” del commercio… e di fotografarli.

UN NEGOZIO DI OCCHIALI A CUNARDO

L’articolo di Pendolante dimostra come da alcuni anni, anche gli uomini, quelli di sesso maschile, sono sempre di più alla ricerca di colori… per gli indumenti che indosseranno.

Un accessorio interessantemente colorato, è oggi la scarpa…più o meno sportiva:

NEGOZIO DI SCARPE A GLASGOW (SCOZIA)

 

La scarpa è diventato un accessorio importantissimo, tanto per gli sportivi quanto per umani di tutte le età. Sembra quasi di poter dire che, contemporaneamente allo “sparire” della cravatta, la scarpa assume tutti i colori possibilmente immaginabili con innumerevoli combinazioni.

 

Ma, i colori sembra siano molto importanti anche in gastronomia.

Sembra che ci possano essere abbinamenti interessanti coi Chakra… che molti oggi conoscono come centri o punti di energia collegati ai vari organi del nostro corpo.

 

Senza voler approfondire certi argomenti che diventerebbero troppo di carattere medico o terapeutico, è indubbio che, quando ci presentano un piatto con “oggetti” mangerecci, sembra che anche l’occhio voglia la sua parte; come è presentato un piatto, com’è l’abbinamento dei colori e come vien piazzato l’eventuale contorno inducono a più o meno piacevole attività manducatoria.

Certo che, se quello che abbiamo nel piatto, sappiamo essere buono, se non addirittura prelibato, anche se di colore grigio, automaticamente s’intaura la cosiddetta acquolina e… ci buttiamo a pesce nell’alimento.

Una voce importante dell’alimentazione è il dolce… che non è solo quello che potrebbe esserci alla fine di un pasto, ma viene desiderato e gradito anche al di fuori dei normali pasti.

Ne troviamo sempre di più… anche sul banco colorato della pasticceria.

MILANO – LA RINASCENTE

Come questo… e come quelli che si trovano ormai dappertutto. Questo mi ha attirato per i colori, e, sicuramente sarebbe il colore quello che attirerebbe il primo pasticcino di qualche lettore.

Mentre scrivo mi sovviene un particolare di quando fui con mia moglie in Sicilia in occasione di un Giro della Sicilia ben organizzato per anziani come noi.

Eravamo ad Aci Reale; avevamo la mattina libera, e, in tarda mattinata decidemmo di andare a prendere comodamente un aperitivo.

Ebbene, mentre ce ne stavamo comodamente seduti a un tavolino, vedemmo uomini, uno alla volta, entrare nella pasticceria e uscire con piccoli pacchetti di pasticcini. Non so se fu un caso, ma, ciò che maggiormente ci colpì, non fu il fatto che venivano acquistati i pasticcini, ma che a farlo erano esclusivamente uomini… nessuno accompagnato da una donna o da un bimbo.

Non posso dimenticarmi del fatto che Acireale ha i suoi francobolli.

UNO DEI DUE FRANCOBOLLI CHE LE POSTE ITALIANE HANNO DEDICATO AD ACIREALE

Ringrazio PENDOLANTE per avermi dato lo spunto per questa chiacchierata.

Read Full Post »

È Autunno… il cielo è azzurro.

Quel ramo del lago di Lugano…

Il lago, la nebbiolina e il sole già alto. Il trenino viaggia tranquillo e… aiuta a sognare e… fa credere per un attimo che vada tutto bene e che il Genere Umano possa rinsavire. QUANTA SERENITÀ!

Read Full Post »

Rispetto gli animali… ma, se lavorassi ancora in questo ospedale… dove mi sono laureato, non sopporterei di vedermi attraversare la strada da una famiglia di famelici cinghiali.

Da GenovaQuotidiana

Questo è uno dei tanti padiglioni dell’Ospedale San Martino a Genova.

Molti amano la carne di cinghiale e molti amano il prosciutto di Parma… gli animalisti vogliono che i cinghiali vengano rispettati e molti vegetariani o vegani inorridiscono di fronte a una “fiorentina”.

A me sarebbe seccato essere quello che in moto si trovò a ruzzolare a causa di un cinghiale.

E voi? Voi accarezzate i cinghiali nel vostro parco o giardino, o li utilizzate al posto dell’aratro?

IL MONDO È BELLO PERCHÉ È VARIO… O AVARIATO?

Read Full Post »

Leggo:

Da Corriere

 

A tre mesi di distanza ci sono ancora tanti indagati, ma nessuno è colpevole… almeno ufficialmente.

Non sarebbe il caso di indagare chi indaga?

Vi rendete conto che ci sono stati tanti morti e molte famiglie distrutte? I morti non sono solo dei numeri, sono una realtà terribile… perfettamente sofferenza “gratuita”…

Read Full Post »

IL SONNO DEI ROMANI?

Poetella ha scritto:

“Si dovrebbero svegliare anche tutti gli italiani…”

Probabilmente… ma solo una parte;

“Perché?”

Perché i mangiapaneatradimento sono molto svegli.

Quello che trovo molto interessante è che, almeno negli ultimi tempi, i romani, quelli che abitano nella città italiana sempre sulla bocca di tutti… e molto travagliata, brontolano sempre, hanno sempre qualcosa da dire contro l’amministrazione della Capitale, contro i buchi nella strade, contro gli autobus che ogni tanto bruciano, contro la Metropolitana che li lascia a piedi, contro… contro… contro…

Da Corriere

Ebbene, i romani avrebbero potuto esprimersi tramite un Referendum. Bastava che ci andasse il 33%. Ce ne sono andati il 16%.

Mi chiedo: “Se solo il 16% è andato a esprimere il proprio punto di vista, vuol dire che l’altro 84% è soddisfatto di come stanno le cose… e allora a mugugnare sono solo il 16%? Vuol dire che va tutto bene. Se non mi esprimo quando me ne danno la possibilità… allora sarà bene ch’io stia zitto… righi dritto… e faccia il mio dovere di cittadino.

O è più bello essere degli eversivi… o perché nel caos ci si muove meglio?

…alla faccia degli onesti e dei rispettosi del prossimo!

Tutto avrei immaginato, ma non che i romani, che poi quando c’è da parlare la lingua ce l’hanno abbastanza sciolta, disertassero in questo modo un atto democratico come questo.

Probabilmente non stavano dormendo, ma erano consapevoli che a loro la democrazia non va bene.

 

Read Full Post »

Older Posts »