Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘arte lignea’ Category

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

Quel 2 dicembre del 2016, quando a Sannazzaro de’ Burgundi scoppiò quel bell’incendio, non sapevo ancora così bene che gli uomini giocano volentieri con la pelle degli altri… e col fuoco (Lo sapevo benissimo perché sono vecchio, ma ho sempre sperato di essermi sbagliato circa la folle malvagità dell’elemento umano). È di questi tempi la scelleratezza di appiccare il fuoco ai boschi facendo leva sul fatto che la temperatura è alta a causa dell’anticiclone africano. È recentissima la notizia che Vigili del Fuoco volontari (?), per essere chiamati a spegnerli, si sono “ingegnati” ad appiccare incendi vari, un po’ qua e un po’ là. Se non ci fosse stato l’incendio loro non avrebbero intascato nulla. Mi sovviene quanto accade in Inverno nelle città del nord Italia: se nevica entrano in azione gli spalatori volontari. Peccato non poter far nevicare a comando!

Chi appicca un incendio, non solo uccide gli alberi, che sono esseri viventi, ma ammazza anche animali di ogni tipo… senza dimenticare che ogni tanto muore anche qualche umano. Gli “arrestati all’italiana” per incendio doloso tornano velocemente a piede libero? O vengono processati anche per omicidio? Al capo dei piromani ragusani hanno dato gli “arresti domiciliari”. Bella forza! E poi? Sono degli assassini… o no?… e pure dei ladri.

Lo so… di fronte all’apparente Giustizia sono solo dei piromani!!!

 

Registrazione del 2 dicembre 2016

Personaggi:
L’Albero, Panchina 1, Sorella o Panchina Ingenua e Il Fratellino.

L’Albero: “Volevo andare a dormire, dato che ormai ho perso tutte le foglie, ma, di amico in amico, ho sentito dire che ieri a Sannazzaro de’ Burgundi in provincia di Pavia è successo un bel pasticcio.”

L’albero… è ormai senza foglie. Il fratello, più giovane, sta già dormendo.

L’ALBERO

Panchina 1: “Ho sentito anch’io qualcosa. È scoppiato un bell’incendio. Hanno parlato di una palla di fuoco alta più di 60 metri!”.

Sorella: “Un gran bel fumo nero! Chissà che non arriverà fin qui da noi?”

SENZA PAROLE

L’Albero: “Ma no, però è assurdo che accadano cose del genere. Pare che non ci siano stati feriti. Solo un intossicato.”

Sorella: “Sì, solo un intossicato. È interessante, se fossero stati in molti a rimanere intossicati, brontolerebbero, ma, dato che è solo uno. Ma quel poveretto “uno” sta male! Solo uno! Non mi piace.”

L’Albero: “Non parlate troppo forte; il mio fratellino sta dormendo. Qualcuno ha detto, ma poi non hanno più parlato, che qualche giorno prima alcuni russi avrebbero rubato del carburante. Che sia colpa loro? In futuro si saprà. Però, se stessero un po’ più attenti. Comunque sia… è sempre colpa dell’altro.”

Il fratellino che s’è svegliato: “Ci state un po’ zitti? Mi avete svegliato… stavo sognando così bene…”

L’Albero: “Scusaci fratellino. Cosa stavi sognando?”

Il Fratellino: “Stavo sognando di essere in Italia dove tutti sono diventati bravi; nessuno ruba, nessun Governante dice le bugie e tutti si rispettano.”

Panchina 1: “È proprio un sogno! Ora ti lasciamo dormire.”

Sorella ingenua: “Perché non si può sperare che il sogno si avveri?”

Read Full Post »

PER FAVORE NON SCRIVERE MI PIACE SE NON L’HAI LETTO TUTTO.

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

 

Registrazione del 7 luglio 2017

Personaggi:
Panchina Petulante, Passante Alessandro, L’Albero, Panchina Ingenua, Albero Ulivo il saggio.

 

Panchina Petulante: “Ciao Alessandro come stai? Penso che andrai a sederti sui legni di Ingenua.”

Alessandro: “Certo, vedo che mi sta aspettando… ha già modificato la superficie del suo legno. Ciao Ingenua, ti abbraccio.”

L’Albero: “Quale buona aria ti mena oggi appo noi?”

Panchina Ingenua: “Sei comodo Alessandro?”

Alessandro: “Sì Ingenua, grazie. Sai Albero, tu sai benissimo che mi piace mettere le nostre conversazioni sul mio blog… e a qualcuno piacciono… e a qualcuno anche molto. Quello che ultimamente mi son trovato per caso ad osservare, è che il mio blog viene scelto o letto… o intercettato dagli Stati Uniti d’America.”

Petulante e Ingenua all’unisono: Perbacco, che bello, stiamo diventando importanti anche in America?”

L’Albero: “Non credo mica; penserei piuttosto che loro, gli umani americani ti intercettino per tenerti sotto controllo… nello stesso modo come vogliono tenere sotto controllo mezzo mondo. Hai ricevuto dagli Stati Uniti un qualche commento… o un semplice “Mi piace”?

Alessandro: “Nessun “Mi piace” e nessun commento. Il fatto è che io non ho molti lettori.. ne ho pochi ma veramente buoni. Certi giorni i contatti sono molti… relativamente molti.”

L’Albero: “Quanti contatti hai avuto nell’ultimo mese dall’USA?”

Alessandro: “Ben 135.”

L’Albero: “Non devi dimenticare che gli Stati Uniti hanno una grande estensione; quindi, cosa vuoi che sia quel 135.”

Alessandro: “Anche il Canada o il Brasile hanno una grande estensione, per non parlare della Siberia, eppure da quei paesi i contatti sono saltuari.”

L’Albero: “Sentiamo un po’ cosa ne pensa il nostro saggio Ulivo… che sicuramente ci ha sentito.”

Ulivo il saggio: “Certo che vi ho sentito. Io penso che faccia parte della politica di quella Nazione che pretenderebbe di tenere tutto e tutti sotto controllo. Quegli Umani si sentono in dovere di dominare il mondo e desidererebbero poter mettere le loro idee in ogni angolino della Terra. Purtroppo non ci riescono e non ci riusciranno mai, però ci provano. Dobbiamo ringraziare il fatto che, malgrado tutto, negli Stati Uniti c’è ancora la democrazia, e lo dimostra il fatto che l’ultimo Presidente non ha potuto fare tutto quello che voleva; è stato fermato più di una volta… proprio dalla democrazia. Ma tu Alessandro, sei mai stato negli USA?”

Alessandro: “Sì che ci sono stato, due volte e in un modo un po’ diverso; la prima volta coll’autobus proveniente dal Canada e la seconda volta con la nave… quindi dal mare… a New York per la prima volta.”

Ulivo: “Penso che arrivare a New York con la nave sia qualcosa di molto particolare.”

ALBEGGIA A NEW YORK… SOTTO IL PONTE DA VERRAZZANO

Alessandro: “Certamente… e poi di mattina mentre sorge il sole in una giornata priva di nubi. Fu un momento unico, tanto più che io non avevo mai pensato di andare a New York. Il caso, che non esiste, mi ci ha fatto arrivare… e mi ha permesso di fotografare le buche delle lettere newyorchesi. I colori che la natura ci mise a disposizione e le costruzioni degli uomini… dal mare, furono, almeno per noi, qualcosa di unico.”

Ulivo: “Non eri solo.”

Alessandro: “No, no. Ero con mia moglie.”

Ulivo: “Arrivaste dal mare, direttamente dall’Europa?”

Alessandro: “No direttamente. Dopo un lungo giro che dall’Europa ci portò in America… quell’America che è molto a nord. L’ultimo scalo europeo della nave fu l’Islanda e da lì raggiunse la Groenlandia.”

Ingenua: “Quindi tu Alessandro sei stato in Groenlandia? Chissà che freddo.”

Alessandro: “Sì cara Ingenua. Non era poi così freddo; solo 5 gradi sotto zero, ma con un sole meraviglioso.”

Ulivo: “E dalla Groenlandia?”

Alessandro: “A New York dopo uno scalo in Canada. Guardate che spettacolo. New York è ancora lontana… c’è un po’ di foschia.”

New York con la Statua della Libertà.

L’Albero: “Fin’ora sono stato zitto, però questa foto con la Statua della Libertà è molto significativa di come possa essere stato affascinante avvicinarsi lentamente a una città così importante. Hai fatto sicuramente molte fotografie.”

Alessandro: “Certo. Era un continuo correre da una parte all’altra della nave. Questa foto, per esempio, che ora ti mostro, è molto suggestiva… col sole ormai alto che si riflette sui vetri di un grattacielo.”

New York – Il sole ormai alto e i vetri di un grattacielo

Petulante: “Faccio fatica a star zitta. Cerco di immedesimarmi nei passeggeri della nave che, dopo il risveglio, si trovano a non avere un attimo di tranquillità… perché c’è sempre qualcosa da guardare.”

New York – Mentre la nave attracca

Alessandro: “Proprio così. Anche se la nave andava adagio… o relativamente adagio, sembrava che andasse troppo veloce, perché era difficile vedere tutti quei grattacieli che, di colpo ci si sono parati davanti agli occhi. Era all’inizio di novembre e avrebbe potuto anche essere piuttosto fresco; la temperatura era in realtà molto mite e permise ai passeggeri di stare all’aperto sui vari ponti della nave senza soffrire il freddo. Grazie alla temperatura gradevole ci fu permesso di assistere tranquillamente a tutte le operazioni di attracco, e accorgersi che eravamo con la nostra nave in città quasi circondati dai grattacieli.”

L’Albero: “Quando scendeste a terra, i funzionari doganali furono severi? Raccontano che gli Umani degli Stati Uniti sono molto severi e molto pignoli.”

Alessandro: “È vero, con alcune persone si dimostrarono molto pignoli; vidi fare anche la fotografia dell’iride; con me non furono assolutamente severi, anzi mi chiesero se ero veramente “vecchio” come scritto sul passaporto… e non fecero ulteriori indagini. Fui considerato innocuo.”

L’Albero: “Certo se ti piace giocare con le buche delle lettere!… non sei vecchio, sei giovane… ma quel funzionario non lo sapeva… penso io.”

Alessandro: “Eccola la mia prima buca degli Stati Uniti d’America… “

New York – Una buca sulla Quinta Strada

Ulivo: “Non ha nulla di particolare, ma è molto diversa da quelle che abbiamo qui noi in Svizzera… e non è gialla.”

Alessandro: “Difatti non avevo mica capito che quei cosi blu erano buche delle lettere.”

Ulivo: “Avevi detto che precedentemente fosti negli Usa proveniente dal Canada. Che anno era?”

Alessandro: “Era il 1999… ma ve lo racconterò un’altra volta. Ora vi saluto; sono stato, come sempre, molto contento di stare con voi… e poi comodamente seduto e ben accolto.”

Ingenua: “Grazie Alessandro. Ti aspetto presto.”

Ulivo: “Ciao Alessandro.”

L’Albero e Petulante: “Stacci bene.”

 

 

Read Full Post »

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

Quel 26 novembre accadde qualcosa di ancor più strabiliante. Mentre iniziavo a registrare la chiacchierata fra Panchina 1 e Sorella (poi Petulante e Ingenua), intervenne inaspettatamente una nuova voce… questa volta maschile. Feci finta di niente; non intervenni, ma capii che assieme alla captazione delle lunghezze d’onda delle panchine mi era consentito intercettare anche quello che diceva quel bellissimo albero col vestito autunnale. È un Ginkgo biloba. Un bellissimo esemplare che ho sempre guardato e ammirato… quasi religiosamente. Le origini di quest’albero, pare risalgano a svariati milioni di anni fa; quindi, di fronte a un albero con origini così antiche bisognerebbe inchinarsi.

26 novembre 2016

Registrazione del 25 novembre 2016

Personaggi:
Panchina 1,  Sorella e Gingko Biloba: L’ALBERO.

 

Panchina 1: “Che noia; ieri ha piovuto tutto il giorno. Le foglie fradicie sono pesanti e mi danno fastidio.”

Sorella: “Ti lamenti sempre.”

IL GINGKO BILOBA: L’ALBERO

 

L’albero: “O panchina 1, ancora non ti sei abituata al ritmo delle stagioni? Ricevi tutti gli anni le mie foglie.”

Panchina 1: “Scusami albero, ma non posso fare diversamente… Lo sai sorella che poco fa è passato da queste parti un bell’umano maschio che parlava con un umano femmina e le diceva che proprio ieri è morto Fidel Castro?”

Sorella: “Quello di Cuba? Di quella grande isola dei Caraibi?”

Panchina 1: “Sì, proprio quello.”

Sorella: “Ma quello è uno di quegli umani che ha scritto un pezzo importante di storia del secolo scorso.”

Panchina 1: “Proprio così. Bisogna risalire agli anni 60 quando ero nata da poco; ero un bell’albero anch’io; poi, dopo che mi hanno lasciata crescere, mi hanno un po’ tagliuzzata, mi hanno attaccata a del metallo… ed eccomi qui. Non mi dispiace però. Sai prima potevo chiacchierare solo con i miei fratelli alberi o col vento; ora che sono in una città, ne vedo e ne sento di tutti i colori.

Fidel Castro, soprannominato Lider Maximo, aveva abbracciato il comunismo dell’Unione Sovietica, e spalleggiato da Nikita Kruscev, aveva permesso l’installazione a Cuba di missili con testata nucleare. Te lo ricordi?”

Sorella: “Come no. Anch’io ero un albero, però, col vento era arrivata la notizia che Kennedy, allora Presidente degli Stati Uniti, s’arrabbiò… s’arrabbiò molto.”

Panchina 1: “Appunto! Fu un momento terribile perché il rischio di una guerra fu palpabile. Sono passati poco più di 50 anni, ma, son sicura che i tanti giovani che andavano e vanno in vacanza a Cuba, quando sono là non ci fanno neppure un pensierino. Alla fine si misero d’accordo, e i missili furono tolti… e anche alcuni piazzati in Turchia e in Italia.”

Sorella: “L’Italia quella che confina con la Svizzera?”

Panchina 1: “Sì, proprio quella. Dell’Italia qui se ne sentono molte di notizie. La gente che passa ne parla molto. Più tardi ti racconterò qualcosa di più.”

L’albero: “Ecco, brave, state un po’ tranquille, e, quando ve la racconterete, cercate di non parlare troppo forte. Lo sapete che mi sto preparando a dormire. Gli umani si mettono il pigiama, io, mi tolgo di dosso tutte le foglie; così posso affrontare l’Inverno.”

Sorella: “Scusami albero; volevo dire ancora una cosa su Cuba, e cioè che, da un po’ di anni, dopo che l’umano Fidel fu operato, salì al potere il fratello Raul Castro, e, grazie a lui i cubani hanno riacquistato un po’ la speranza di non rimanere isolati. Infatti ultimamente gli Stati Uniti hanno riallacciato i rapporti diplomatici col governo dell’isola.”

L’albero: “Benissimo. Io lo sapevo già. Di quassù, quando sono sveglio, sento meglio di voi e vedo molto più di voi. Ora ci state un po’ zitte?”

Panchina 1 e sorella (all’unisono): “Va bene albero. La prossima volta, se ne abbiamo voglia parliamo del nostro vicino… dell’Italia.”

 

Read Full Post »

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

Mi fu possibile entrare nella lunghezza d’onda di Petulante e Ingenua… poco alla volta però mi è stato concesso di poter registrare e divulgare i loro colloqui e le loro saggezze. Loro che ci guardano, ci stimano e ci criticano. La loro però è sempre una critica benevola frutto di stupore; lo stupore, anche rassegnato, verso il comportamento di noi Umani.

Registrazione del 24 novembre 2016

Personaggi:
Panchina Petulante, Panchina Ingenua e Passante Alessandro.

Panchina Petulante: “Ecco che è arrivato l’Autunno. Piango e nessuno si accorge di me. Le foglie dell’albero si uniscono alle mie lacrime… e anche il cielo con le sue lacrime.
Guardo mia sorella, un po’ più in là, la vedi?. Mi ha raccontato tutto e, in parte ho sentito tutto. Quell’umano che l’estate scorsa ha trovato serena tranquillità su mia sorella e ha usato il telefono. Uno di quegli aggeggini che si usano per parlarsi a distanza. Ho sentito tante onde attraversare l’aria vicino a me. Parlavano di amore e di promesse… anche di baci e… di stare vicini… molto vicini. Quando è andato via era molto contento.
Non è successo niente… solo speranze… speranze.”

Panchina Pèetulante

Panchina Ingenua: “Già… la vita degli umani è solo speranze?”

Passante Alessandro: “Già… purtroppo si permette di sperare quando già si sa che la speranza sarà vana. È ipocrisia?”

Read Full Post »

PER FAVORE NON SCRIVERE MI PIACE SE NON L’HAI LETTO TUTTO.

LA RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO È VIETATA

 

Tutto cominciò all’inizio di novembre del 2016.
Passando distrattamente sul marciapiede, sempre distrattamente, notai un uomo adulto che parlava col suo telefonino comodamente seduto sulla Panchina N°2.
Fosse la prima volta che vedo una persona seduta su una panchina a parlare con qualcuno col cellulare.
Proseguo la mia marcia verso il supermercato da qualche anno fornitore delle nostre necessità manducatorie.
Non rimasi molto nel supermercato e, col mio fido sacchetto di plastica capace di far risparmiare sofferenze al pianeta terra… sì perché uso sempre quello per svariati mesi anziché pretenderne sempre di nuovi da buttare… quando ancora sono usabili, torno sui miei passi verso l’abitazione che, oltre ad accogliere me, accoglie anche mia moglie.
Ripassando vicino a quelle panchine, vidi che quell’uomo stava ancora parlando e, mi accorsi che la Panchina N°1 non sembrava troppo tranquilla.
Ma voi vi chiederete: “Ma come fa una panchina a non essere tranquilla?” Giusto, anzi giustissimo o troppo giusto. Eppure, ebbi l’impressione che si muovesse, che ondeggiasse appena appena, o non più di quel tanto. Sì, si muoveva. Quell’uomo continuava a parlare e la panchina N° 1 sembrava che ascoltasse e, fra sé e sé, commentasse quello che sentiva… o ascoltava le vibrazioni del parlare umano?
Tornai a casa. Pensai: “Non avrò mica bisogno dell’amico psichiatra? Speriamo di no.” Non dissi nulla a nessuno, ma, con un po’ di curiosità trovai il modo di uscire nuovamente… per andare a controllare la situazione.
Quell’uomo non c’era più e tutto sembrava perfettamente tranquillo. Andai a sedermi sulla Panchina N° 1 per sentire se qualcosa si muoveva. Nulla.
Dimenticai. Arrivò il 26, sempre di novembre e, ripassando da quelle parti, notai che sempre sulla 2 quell’uomo stava di nuovo parlando al telefono… e parlava d’amore. “Ma cosa c’è di strano? Ognuno di noi ha diritto di amare e di essere amato.” Mi misi tranquillo sulla 1 senza ascoltare quello che veniva detto… continuando a pensare ai fatti miei e, sì, al fatto che l’amore, quello vero, quando c’è non è descrivibile; c’è e basta; ognuno lo vive a modo proprio… In quel momento ebbi l’impressione di sentire sotto di me delle strane vibrazioni, e dissi a voce alta: “Il terremoto! Si muove tutto.” Guardai l’albero sopra la mia testa per prendere atto se le foglie autunnali, a causa dell’ipotetico terremoto, cadevano copiosamente. Ma no… era tutto tranquillo. In quel momento sentii una vocina femminile: “Ma no, non è il terremoto; sono io che ti sto parlando… e tu finalmente mi senti.”
“Capperi” pensai “ma da dove arriva la vocina?”
In quel momento non passava nessuno. Per un attimo ebbi paura e pensai che la cosa migliore da farsi sarebbe stata alzarsi, e andare a casa, quando: “Caro Passante,” riprese la vocina “sono io la panchina sulla quale sei seduto; stai tranquillo, finalmente riesco a farmi ascoltare da te; questa è una grande giornata; vedrai che potremo diventare amici.”
La paura stava per diventare panico. Cercai di stare tranquillo. Mi voltai leggermente verso la panchina, poi mi alzai e la ispezionai tutta per controllare che non ci fosse, sopra o sotto un qualche marchingegno elettronico. I legni erano in ordine… anche la vernice rossa. Guardai tutto intorno, feci un giro attorno al tronco dell’albero per controllare che non ci fosse nessuno nascosto, e, alla fine dovetti ammettere che poteva essere proprio la panchina.
“Ma, da quando in qua” dissi “le panchine parlano?”
“Non credere mica di essere solo tu vivo!” rispose la vocina “Anche noi abbiamo la nostra vitalità. Ogni oggetto ha le sue energie. Oggi finalmente sono riuscita a collegare le mie energie con le tue.”
“Anche la Panchina che è un po’ più in là… riesce a parlare?”
“Certamente. Ma solo se riesce a collegare le lunghezze d’onda delle energie. Vai a salutarla; vedrai che potrai sentirla. Ha una bella voce.”
“Senti, non so cosa dirti. Ci provo.”
Mi spostai di pochi metri e andai a sedermi sull’altra Panchina. Dopo alcuni istanti ebbi l’impressione di “sentirmi come accolto”, quasi come se i legni colorati di rosso si modificassero secondo i miei glutei.
“Ciao Passante” disse una bella voce, all’apparenza giovane “sono contenta. Hai fatto bene ad accettare il consiglio di mia sorella. Mi piace il tuo calore. E sono contenta di poter parlare con te.”
Naturalmente, piuttosto inebetito, cercai di scappare il più presto possibile; e scappai… tornai a casa. Però si creò in me una terribile curiosità che, piano piano mi portò a tornare a rivedere  quelle due panchine.

In primo piano PETULANTE, in secondo piano INGENUA.

Col tempo cominciai a comprendere il loro carattere. La N° 1 si chiamerà Petulante e la N° 2 Ingenua.

Cominciò così, e, da allora mi fu sempre più facile sintonizzarmi con panchine e alberi; sì, perché anche quell’albero, e non solo quello, dimostrò di poter comunicare. Si creò, in un certo senso, una strana forma di amicizia. È interessante poter sottolineare che, tanto le panchine quanto gli alberi ci vedono, ci sentono e ci osservano e si rattristano: proprio così!

Le stupidità di noi Umani sono per loro fonte di tristezza.

 

Read Full Post »

9 febbraio 2017

Personaggi:

Panchina Petulante, Panchina Ingenua, Ulivo il Saggio e Pino Marittimo.

Petulante: “Quella di oggi è una giornata triste. Fa finta di piovere, ma non piove davvero.”

Ingenua: “Hai ragione cara sorella. Hai qualche novità?”

Petulante: “No, sentiamo l’Ulivo se ha qualcosa da raccontarci.”

Ulivo: “Sì, vi ho sentito. Per prima cosa dovrei dire che l’acqua dei giorni scorsi mi ha fatto gioire immensamente, perché mi ha lavato le foglie dalle polveri sottili che ma davano molto prurito; poi quel vento forte mi ha grattato e massaggiato in un modo fantastico. Gli umani hanno bisogno di palestre e altre frivolezze che chiamano fitness, senza parlare di altri umani, forse un po’ malati che vanno in aereo molto lontano, fino in Thailandia… per farsi massaggiare.”

Ulivo IL SAGGIO

Ulivo IL SAGGIO

Ingenua: “Perché qui non c’è nessuno che sa fare i massaggi?”

Ulivo: “Ma certo che c’è, ma non è così fantastico come quello che fanno là.”

Ingenua: “Ma, un massaggio è un massaggio, e c’è bisogno di andare così lontano per avere un massaggio migliore?”

Ulivo: “Non è solo una questione di massaggio; dipende da chi ti fa il massaggio e cosa ti fa dopo il massaggio… hai capito?”

Ingenua: “Non riesco a capire.”

Ulivo: “Il massaggio terapeutico, ossia per star bene, viene fatto in Thailandia in un modo particolare… perché ben fatto, poi, ci sono i centri di “massaggio particolare” per soli uomini che ci vanno per soddisfazione erotica… sempre in modo particolare. Ora hai capito?”

Ingenua: “Sì, scusami se sono un po’ tarda. D’ora in avanti ti chiameremo Ulivo Il Saggio.”

Ulivo. “Va bene, grazie. A parte questa facezia, un problema molto importante per il futuro degli Umani d’Europa, è quello che succederà in Francia fra un paio di mesi.”

Petulante: “Cosa dovrebbe succedere?”

Ulivo: “Ci saranno le elezioni presidenziali. Io però non conosco bene l’argomento. Qui, di questi tempi si fermano pochi umani. Provo a chiedere al mio amico di Ponte Tresa… un pino marittimo… o qualcosa del genere… qui in Svizzera.”

Pino Marittimo: “Si ti sento Ulivo; come stai?”

Ulivo il Saggio: “Sto bene grazie. Tu che vedi passare tanta gente e sei vicino al capolinea del trenino e dei bus de “La Posta”, cosa puoi dirci delle elezioni presidenziali francesi?”

Marine Le Pen

Marine Le Pen

Pino Marittimo: “So solo che un’Umana Marine Le Pen è molto agguerrita, e dice che vuole uscire dall’Europa. Non so molto di più, per ora. M’interessava di più sapere cos’ha nella testa l’Umano Matteo Salvini… abbastanza amico di quell’Umana. Sai, l’Italia è vicinissima.”

Ulivo il Saggio: “Bravissimo. Chiedi un po’ e cerca di capire dagli Umani che prendono il treno. Ci sentiamo. Un bel saluto anche dalle mie amiche Petulante e Ingenua.”

Pino Marittimo: “Cercherò anche di prendere contatto con un nostro collega, molto bello, che si trova proprio vicino all’Ufficio Postale; là in Italia a Lavena Ponte Tresa. Da quelle parti c’è un grande posteggio, delle panchine e pure una cabina telefonica. Le cabine telefoniche la sanno lunga… A presto.”

PINO MARITTIMO a Ponte Tresa

PINO MARITTIMO a Ponte Tresa

 

Read Full Post »

Guardate un po’ che bella figliola.

Vi piace?

STATUA LIGNEA

La potete trovare nell’interno della stazione ferroviaria di GLARUS in Svizzera.
Le proporzioni possono essere considerate comparandole con la persona che si vede poco distante sulla sfondo della fotografia.

L’interesse per questa statua può venire dal fatto che l'”opera” è stata scolpita su un tronco d’albero unico.

Inoltre, non è chiaro se è intervenuta o meno la chirurgia plastica.

Read Full Post »