Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘fotografia’ Category

Riesumata… con gioia e un pizzico di nostalgia.

TOPOLINO B del 1948

Fa parte degli archivi più o meno dimenticata.

Quanti anni sono passati! Saranno medici tutti 4… e, fra quelli ci sono anch’io.

L’auto, di un bel giallo, è parcheggiata nel punto dove, pare, Mussolini posò la prima pietra della nuova Clinica Chirurgica dell’Università.

Le pietre successive vennero piazzate quando ero già da un po’ laureato.

Ora la Clinica Chirurgica c’è… com’è non lo so… spero meravigliosamente funzionante.

Read Full Post »

FOTOGRAFIE 15 – ERA SERA

Era sera e il temporale se ne stava andando definitivamente portandosi via le ultime recalcitranti nuvole… 

Il sole stava andando a coricarsi ma… diede l’ultima zampata facendo capire che il giorno dopo l’avrebbe fatta da padrone.

E così fu.

La chiesetta e le casette ringraziarono… avevano bevuto abbastanza.

Read Full Post »

Qualche volta può accadere che si riesce a scattare una bella fotografia.

È accaduto.

Foto del 2014

È una foto antica che mi trovo a rivedere con piacere.

A me piace molto… anche perché l’ho scattata senza iil tempo di poterci pensare su più di quel tanto.

Così accade nella vita.

Quante volte si pensa a come si potrà fare e quando lo si potrà fare e con chi lo si potrà fare.

Altre volte si è obbligati o gli eventi ci rendono obbligati non solo ad agire, ma, più propriamente a reagire… alla svelta però.

 

Oggi che gli anestesisti rianimatori sono diventati di moda e che il popolo si è reso conto che esistono, posso dire che la vita dell’anestesista è un po’ proprio così.

Sempre con 4 occhi, 6 braccia e 4 gambe sembra che, in certe situazioni, il tempo non passi mai… il chirurgo fa la sua parte e l’anestesista aspetta. Poi, senza preavviso entrano in azione gli occhi, le braccia e le gambe e in pochi secondi, vorrebbe pensare sul da farsi ma non gli è permesso… deve agire subito e fare con immediatezza… quasi come scattare una foto… proprio in quel momento… una frazione di secondo dopo… sarebbe troppo tardi.

Read Full Post »