Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘america del sud’

L’altra mattina mentre mi facevo la barba ascoltavo, come al solito, la radio.

Parlavano di Cristoforo Colombo e di Amerigo Vespucci.

Noi italiani siamo fieri di loro.

Cristoforo Colombo sbarca in America

Siamo fieri di poter dire che erano italiani… e come tali sono diventati famosi?

Ma, in che modo sono diventati famosi? Grazie al fatto che qualcuno ha creduto in loro; ma non in Patria, bensì all’estero.

Cristoforo Colombo sarebbe nato a Genova nel 1451 si trasferì poi col padre a Savona, ma nel 1574 abbandonò la Madrepatria e raggiunse a Lisbona il fratello Bartolomeo.

Dal Portogallo non fu difficile passare in Spagna da dove salpò alla ricerca delle Indie… ma scoprì l’America.

…e l’America si chiama così grazie a un altro italiano, appunto, Amerigo Vespucci.

Anche Amerigo Vespucci ci rende italianamente orgogliosi. La nostra Nave Scuola più bella, se non vado errando, si chiama proprio Amerigo Vespucci.

L'AMERIGO VESPUCCI in un francobollo del 1931

Anche lui, quasi coetaneo di Cristoforo Colombo, nato a Firenze nel 1454, navigò e esplorò gran parte delle coste orientali dell’America del Sud grazie alla fiducia del re Ferdinando II di Aragona.

Ma se vogliamo, per il momento, rimanere nel campo dei grandi navigatori, non possiamo dimenticare Giovanni Caboto. Non è chiaro dove effettivamente nacque; nella Repubblica di Genova o a Gaeta. Era praticamente coetaneo di Cristoforo Colombo e, al servizio di Enrico VII d’Inghilterra scoprì le coste del Nord America.

Anche CABOTO ebbe nel 1997 il suo francobollo

Quindi noi inneggiamo alla capacità degli italiani ma ci dimentichiamo che sono riusciti col loro genio grazie all’aiuto straniero. Due nella Penisola Iberica e uno in Inghilterra. Nessuna nazione italiana, neppure la Repubblica di Venezia, ebbe la lungimiranza di aiutare il genio di questi uomini.

Dal 1492, anno della scoperta dell’America ad oggi, moltissimi “cervelli” italiani sono riusciti a diventare Qualcuno espatriando.

Basta un solo nome: ENRICO FERMI. Nato a Roma nel 1901, fu già Qualcuno in patria. Dovette fuggire negli Stati Uniti. Un po’ a causa del Regime Fascista e un po’ a causa di mancanza di fondi.

Oggi molti cervelli fuggono a causa di “mancanza di cervello” dei Governanti.

Manca la capacità di amare la Patria o c’è troppo amore per la tasca del portafoglio?

Read Full Post »