Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘truffa’

Iniziato a scrivere il 18 febbraio 2011
Ieri, esattamente ieri ho dovuto andare a Milano… e non per divertimento.
Non ero solo ma con la madre di due bimbetti.
La partenza da Lugano alle 9.48 col treno exCisalpino ci permette di arrivare a Milano in perfetto orario.
Relativamente al ritorno optiamo per il treno in partenza da Milano alle 17.10 con arrivo a Lugano alle 18.13 (stando a quanto scritto sul biglietto). Potremmo optare per il treno in partenza da Milano alle 16.10, ma essendo la percorrenza di mezz’ora in più… e dovendo cambiare a Chiasso…

Biglietto "EuroCity" Milano Centrale - Lugano

Si sale sul treno a Milano alle 17.05. Con nostra sorpresa ci accorgiamo che la composizione del treno non è quella che dovrebbe essere, ma normali vagoni per cui a Chiasso sarà necessario cambiare locomotore. Pensiamo che il cambio di composizione sia causata da un guasto improvviso. Succedeva abbastanza frequentemente ai convogli exCisalpino.
A Chiasso il treno rimane fermo quel tanto che basta per accumulare più di 35 minuti di ritardo.
Alle mie rimostranze alla controllora mi son sentito dire che “per un po’ di giorni sarà così e che anche l’odierno ritardo era previsto”. Quindi, quando alla mattina acquistai il biglietto, già la biglietteria avrebbe potuto (o dovuto) dirmelo. Saremmo tornati col treno precedente e avremmo addirittura risparmiato sul prezzo del biglietto. Abbiamo infatti pagato un biglietto EuroCity, su un treno normale.

Come dovrebbero essere gli EuroCity:

velocità commerciale maggiore di 90km/h

servizio ristorante

CARROZZA RISTORANTE D'ALTRI TEMPI

carrozze con aria condizionata

fermate di solo 5 minuti massimo, 15′ per motivi tecnici

controllo doganale sul treno quindi senza una lunga sosta alla frontiera

personale bilingue.

3 di questi 6 requisiti erano sicuramente assenti. Il personale italiano forse era bilingue; in ogni caso non s’è visto e non è passato a controllare i biglietti.

I bimbi della Signora che viaggiava con me hanno dovuto aspettare 35 minuti in più. Poco male; se si considera però che l’onestà della biglietteria ci avrebbe fatto optare per il treno precedente…
Piccolo particolare: In questa zona della Svizzera si cerca sempre di dare la colpa alle Ferrovie italiane. Questa volta, non solo Trenitalia ha funzionato alla perfezione, ma ritardo e oserei dire, mancanza di onestà (o se preferite maleducazione e menefreghismo) tutto a carico degli svizzeri.

Ogni favola ha la sua morale.

Questa non è una favola ma ha una sua morale che potrebbe essere un lamento da sofferenza “gratuita”.

Mi lamento non tanto per i due bimbetti che hanno aspettato la Mamma un po’ di più, quanto per il comportamento sprezzante e irriverente di chi gestisce i servizi pubblici.

Da anni si “pretende” di propagandare l’uso dei mezzi pubblici. Si parte dall’effetto serra e si arriva all’inquinamento delle città con blocco totale domenicale della circolazione privata.

La componente tragica è che hanno ragione quelli che propagandano l’uso del mezzo pubblico. Hanno talmente ragione per cui, quando posso, uso il mezzo pubblico. Ma se seguo il consiglio avrei o no il diritto di non essere truffato? Avrei o no il diritto di essere consigliato a dovere? O, gonzo, divento un pollo da spennare e da maltrattare?

Non mi indigna il fatto di essere arrivato in ritardo, mi indigna il fatto che, sul treno con moltissimi viaggiatori, praticamente nessuno ha protestato. Eppure tutti sono stati truffati. Ma non era una situazione di forza maggiore; era perfettamente previsto. Era una truffa prevista!

Il popolo dei viaggiatori è diventato veramente “bue“? O sono tutti delle “pecorelle“?

Pecorelle?... Non come queste!

Oggi tutti i cori (forse è una moda) ci sono per mandar via Berlusconi!

E il resto si aggiusta da solo?

Read Full Post »