Feeds:
Articoli
Commenti

E ADESSO?

5 dicembre 2016

La sorella: “È passata la buriana?”

Panchina 1: “Di cosa stai parlando? Se si son decisi a togliere le foglie?”

La SORELLA quasi completamente pulita.

La SORELLA quasi completamente pulita.

Sorella: “Ma no! Non me ne frega niente delle foglie. Quelle su di noi le hanno tolte praticamente tutte; quelle per terra le toglieranno. Però sono belle!… hanno un bel colore! Per buriana intendevo la storia del Referendum in Italia.”

Panchina 1: “Ho capito. Ma sì, la buriana è finita. Non hai sentito… ah già tu sei lontana dalla strada; io sento la gente che passa. Hanno spedito Renzi.”

Sorella: “Cosa vuol dire? Che gli hanno messo un francobollo addosso?”

Panchina 1: “Più o meno è così. Gli italiani, tanti italiani, hanno detto NO. Hanno votato così, e questo significa che Renzi è stato bocciato e… tanti dicono anche la Sua Bella.”

Sorella: “La moglie?”

Panchina 1: “Ma nooo. Quell’umano femmina di nome Boschi; tutta bella e… piacente. Qualcuno dice che se l’intendevano…”

Sorella: “Ma cosa dici! Come puoi pensare che un umano al Governo di uno stato così importante come l’Italia abbia una tresca di quel genere.”

Panchina 1: “Sei proprio tanto carina sorella mia.”

Il fratellino albero: “Ancora una volta il vostro ciacolare mi ha svegliato; va ben che non dormivo molto profondamente. Speriamo che non si svegli mio fratello. Stavo ancora sognando.”

Panchina 1: “Cosa stavi sognando?”

Il fratellino: “Un paio d’ore fa è passata una moto, che ha fatto un rumore assordante e mi ha, solo per un attimo, svegliato, e ho sentito che l’umano Renzi avrebbe detto “Non credevo che mi odiassero così tanto!”, e poi mi sono riaddormentato. Ora stavo sognando che era seduto sul bordo del letto, stava per mettersi il pigiama, e, gli cadevano dagli occhi calde lacrime… che andavano a bagnare il tappetino. Mentre piangeva e sembrava inconsolabile pensava a tutto quello che aveva fatto, a tutti gli 80 Euro che aveva dato al popolo, a tutti gli Euro che avrebbe voluto ancora distribuire… ma non aveva servito a niente. Mentre singhiozzava pensava che per lui fosse tutto finito.”

Panchina 1: “Questo hai sognato? Ma tu pensi davvero che lui sia triste?”

Sorella: “Mi hai fatto venire il magone. Povero Renzi!”

Panchina 1: “Ma tu non conosci i politici. E poi quelli italiani! Ti è accaduto qualche volta di sentir dire: “Quello ha il pelo sullo stomaco.”

Sorella: “Mai. O forse sì; non so cosa vuol dire.”

Panchina 1: “Informati! Comunque, grosso modo vuol dire che chi ha il pelo sullo stomaco non ha scrupoli.”

Sorella: “Grazie sorellina.”

Fratellino: ” E adesso cosa succederà in Italia? Parlate piano per favore; non vorrei vedere mio fratello svegliarsi. Vedete? ha quell’edera sul tronco che ogni tanto gli dà fastidio. L’edera non dorme mai… e lui dovrebbe avere qualcuno che lo gratta.”

Panchina 1: “Adesso ci penserà il Presidente della Repubblica. Vedremo.”

NATURA SBARAZZINA!

Perbacco, È SOLO UNA CAROTA.

dsc07549

ANCORA SPERARE?

2 dicembre 2016

L’Albero: “Volevo andare a dormire, dato che ormai ho perso tutte le foglie, ma, di amico in amico, ho sentito dire che ieri a Sannazzaro de’ Burgundi in provincia di Pavia è successo un bel pasticcio.”

L'albero... ormai senza foglie. Il fratello, più giovane, sta già dormendo.

L’albero… ormai senza foglie. Il fratello, più giovane, sta già dormendo.

Panchina 1: “Ho sentito anch’io qualcosa. È scoppiato un bell’incendio. Hanno parlato di una palla di fuoco alta più di 60 metri!”.

Senza parole

Senza parole

Sorella: “Un gran bel fumo nero! Chissà che non arriverà fin qui da noi?”

L’Albero: “Ma no, però è assurdo che accadano cose del genere. Pare che non ci siano stati feriti. Solo un intossicato.”

Sorella: “Sì, solo un intossicato. È interessante, se fossero stati in molti a rimanere intossicati, brontolerebbero, ma, dato che è solo uno. Ma quel poveretto “uno” sta male! Solo uno! Non mi piace.”

L’Albero: “Non parlate troppo forte; il mio fratellino sta dormendo. Qualcuno ha detto, ma poi non hanno più parlato, che qualche giorno prima alcuni russi avrebbero rubato del carburante. Che sia colpa loro? In futuro si saprà. Però, se stessero un po’ più attenti. Comunque sia… è sempre colpa dell’altro.”

Il fratellino che s’è svegliato: “Ci state un po’ zitti? Mi avete svegliato… stavo sognando così bene…”

L’Albero: “Scusaci fratellino. Cosa stavi sognando?”

Il fratellino: “Stavo sognando di essere in Italia dove tutti sono diventati bravi; nessuno ruba, nessun Governante dice le bugie e tutti si rispettano.”

Panchina 1: “È proprio un sogno! Ora ti lasciamo dormire.”

Sorella ingenua: “Perché non si può sperare che il sogno si avveri?”

 

 

 

Proprio così… dorme.

Seguo da un po’ di tempo questo blog:

A Genova un record poco ambito: abbiamo il saldo nascite/morti più sbilanciato d’Italia a favore dei decessi

e, come anche su altri articoli, ho lasciato un commento.
Ma loro non rispondono… dormono…

Come quelli che nel sonno parlano…

SVEGLIA LIGURI…

Questo francobollo potrebbe essere sbagliato.

Francobollo del 2008 per la Valle d'Aosta.

Francobollo del 2008 per la Valle d’Aosta.

Parla della Valle d’Aosta e lo dice anche in francese.
T. Trinca dovrebbe essere l’incisore del francobollo.
Come molti sanno, in Valle d’Aosta ci sono molte valli laterali fra cui la Valle di Gressoney e la Valtournenche o Valle di Cervinia. Sul francobollo sono appunto incisi i particolari delle due valli.
In basso a destra il Castel Savoia costruito appunto a Gressoney Saint Jean dalla Regina Margherita, e, in alto al centro il Cervino. Ma quello non è il Cervino, quello è il Matterhorn, la stessa montagna, che confina con la Svizzera, vista dalla vallata di Zermatt.

Da Wikipedia: Il Matterhorn.

Da Wikipedia: Il Matterhorn – Territorio svizzero.


E questo è il Cervino, quello che si vede da Breuil Cervinia:

Da Wikipedia: Il Cervino.

Da Wikipedia: Il Cervino – Territorio italiano.

Faccio fatica a credere che il Signor o Signora Trinca abbia voluto mettere sul francobollo un po’ di territorio svizzero. Mi chiedo: “Perché prima di fare un lavoro che verrà stampato in milioni di esemplari non ci si documenta un pochino? Qual tanto che basta per non fare degli errori grossolani?”

28 novembre 2016 – Lunedì

L’albero: “Come state amiche mie? Ieri siete state proprio brave; non vi ho sentito per niente… o avete parlato molto piano.”

Panchina 1 e Sorella: “Era Domenica e c’era poca gente in giro. E poi, nella cappella qui vicino c’era la Messa… e bisognava stare tranquille.”

Panchina 1: “E tu albero come stai? Non sei ancora pronto per dormire? Noto che hai ancora molte foglie. Ieri era bel tempo; ti sei goduto il sole autunnale? C’era un colore tutto particolare.”

L'albero con ancora un po' di foglie. Non può ancora dormire.

L’albero con ancora un po’ di foglie. Non può ancora dormire.


L’albero: “Ma certo che me lo sono goduto. Ho visto che ieri mattina è venuto quell’umano simpaticissimo che ha spostato un po’ delle mie foglie ed è venuto a sedersi da te.”

Le foglie spostate per le chiappe di un umano.

Le foglie spostate per le chiappe di un umano.

Panchina 1: “È vero; Ha messo le chiappe su di me. Ma non è stato molto. Mi ha detto che era molto contento che finalmente ha smesso di piovere.”

L’albero: “Non t’ha detto altro?”

Panchina 1: “Ma sì, mi ha accennato qualcosa di quello che sta succedendo in Italia. Mi ha detto che non vede l’ora che passi la settimana e arrivi domenica prossima, così si saprà se avrà vinto il SÌ o il NO. Lo sai no che domenica prossima in Italia c’è quel Referendum. Lo sai o no?”

L’albero: “Ma cosa ti credi? di quassù sento tutto e vedo molto più di voi. Coi rami bassi sento gli bisbiglii, coi rami alti capto dai miei colleghi quello che accade anche lontano da me.”

LA SORELLA

LA SORELLA

Sorella (che ha ascoltato in silenzio): “Allora, caro nostro albero, raccontaci un po’ quello che si dice intorno di questo Referendum; che poi, qui in Svizzera, siamo abituati alle consultazioni popolari!”

L’albero: “Non c’è poi molto da dire; il problema è che un certo Renzi, quello che comanda in Italia, ha ideato insieme a una certa Boschi, che tra parentesi dicono essere un bell’umano femminile, un cambiamento nella Costituzione della Repubblica Italiana. Pare però, che da un’idea mica male, cioè quella di abolire il Senato, si sia arrivati ad abolirlo solo in parte, per cui, non essendo neppure eleggibile democraticamente, a tanta gente non va giù, e parlano addirittura alla possibilità di una dittatura, se il popolo dice sì.”

Panchina 1: “Non ti sembra di spararla un po’ grossa?”

Sorella: “Sembra anche a me che l’albero la spari un po’… così.”

L’albero: “Io riferisco solo quello che capto. Quelli del sì dicono che bisogna a tutti i costi cambiare, e che questa è un’ottima occasione che non tornerà più nei prossimi 30 anni, o giù di lì… e che si risparmieranno un mucchio di soldi, quelli del no invece dicono che Renzi racconta un mucchio di balle, che senza un Senato vero chi comanda adesso non se ne andrà più e che questa democrazia sparirà. Insomma, arrivano addirittura ad insultarsi… per un Referendum!!!.
Ma noi qui in Svizzera ne abbiamo fatto tanti di referendum, ma non ci siamo mai accapigliati in questo modo. Ma credete voi che in Italia potrà cambiare molto?”

Sorella: “Io non credo mica. L’Italia rimarrà quella che è. Certo che una bella dittatura in Italia c’è stata… e agli italiani piaceva molto; si sentivano forti… finché c’è stato il patatrac… e nessuno era più fascista.”

Panchina 1: “Staremo a vedere. Speriamo che Domenica arrivi presto. Dicono che la speranza è l’ultima a morire.”

26 novembre 2016

Panchina 1: “Che noia; ieri ha piovuto tutto il giorno. Le foglie fradicie sono pesanti e mi danno fastidio.”

Sorella: “Ti lamenti sempre.”

L'albero... qualche giorno fa.

L’albero… qualche giorno fa.

L’albero: “O panchina 1, ancora non ti sei abituata al ritmo delle stagioni? Ricevi tutti gli anni le mie foglie.”

Panchina 1: “Scusami albero, ma non posso fare diversamente… Lo sai sorella che poco fa è passato da queste parti un bell’umano maschio che parlava con un’umano femmina e le diceva che è morto Fidel Castro?”

Sorella: “Quello di Cuba? Di quella grande isola nei Caraibi?”

Panchina 1: “Sì, proprio quello.”

Sorella: “Ma quello è uno di quegli umani che ha scritto un pezzo importante di storia del secolo scorso.”

Panchina 1: “Proprio così. Bisogna risalire agli anni 60 quando ero nata da poco; ero un bell’albero anch’io; poi, dopo che mi hanno lasciata crescere, mi hanno un po’ tagliuzzata, mi hanno attaccata a del metallo… ed eccomi qui. Non mi dispiace però. Sai prima potevo chiacchierare solo con i miei fratelli alberi o col vento; ora che sono in una città, ne vedo e ne sento di tutti i colori.
Fidel Castro, soprannominato Lider Maximo, aveva abbracciato il comunismo dell’Unione Sovietica, e spalleggiato da Nikita Kruscev, aveva permesso l’installazione a Cuba di missili con testata nucleare. Te lo ricordi?”

Sorella: “Come no. Anch’io ero un albero, però, col vento era arrivata la notizia che Kennedy, allora Presidente degli Stati Uniti, s’arrabbiò… s’arrabbiò molto.”

Panchina 1: “Appunto! Fu un momento terribile perché il rischio di una guerra fu palpabile. Sono passati poco più di 50 anni, ma, son sicura che i tanti giovani che andavano e vanno in vacanza a Cuba, quando sono là non ci fanno neppure un pensierino. Alla fine si misero d’accordo, e i missili furono tolti… e anche alcuni piazzati in Turchia e in Italia.”

Sorella: “L’Italia quella che confina con la Svizzera?”

Panchina 1: “Sì, proprio quella. Dell’Italia qui se ne sentono molte di notizie. La gente che passa ne parla molto. Più tardi ti racconterò qualcosa di più.”

L’albero: “Ecco, brave, state un po’ tranquille, e, quando ve la racconterete, cercate di non parlare troppo forte. Lo sapete che mi sto preparando a dormire. Gli umani si mettono il pigiama, io, mi tolgo di dosso tutte le foglie; così posso affrontare l’Inverno.”

Sorella: “Scusami albero; volevo dire ancora una cosa su Cuba, e cioè che, da un po’ di anni, dopo che Fidel fu operato, salì al potere il fratello Raul Castro, e, grazie a lui i cubani hanno riacquistato un po’ la speranza di non rimanere isolati. Infatti gli Stati Uniti hanno riallacciato i rapporti diplomatici.”

L’albero: “Benissimo. Io lo sapevo già. Di quassù, quando sono sveglio, sento meglio di voi e vedo molto più di voi. Ora ci state un po’ zitte?”

Panchina 1 e sorella (all’unisono): “Va bene albero. La prossima volta, se ne abbiamo voglia parliamo del nostro vicino… dell’Italia.”